E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • Tazza: "La felicità altrui è..."

    Tazza: "La felicità altrui è..."
    Prezzo: 8,00 €

    Tazza da collezione 21Minuti - I saperi dell'eccellenza (MINI MUG) A colazione lasciati ispirare......

    approfondisci
  • Le nuove Pergamene solidali

    Le nuove Pergamene solidali
    Prezzo: 3,50 €

    Sono arrivate le nuove pergamene solidali, dai un valore ancora più profondo ai momenti......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / Violenza sulle donne: tra soprusi psicologici e fisici, 7...

News

Bookmark and Share
Violenza sulle donne: tra soprusi psicologici e fisici, 7 su 10 non denunciano
Violenza sulle donne: tra soprusi psicologici e fisici, 7 su 10 non denunciano

Quasi 1000 colloqui effettuati da un’equipe di esperti con oltre 100 donne vittime di violenza, in soli due anni. Ascolto e supporto psicologico e legale per contrastare la violenza, spesso subita tra le mura domestiche. Le prospettive di intervento future del Centro Antiviolenza "Donna Eleonora" nel territorio della provincia di Oristano. Sono questi i temi al centro del convegno che si tiene oggi presso il Teatro Antonio Garau ed è promosso da Fondazione Patrizio Paoletti e dalla Cooperativa L’Albero della Vita. L'evento gode della partecipazione del Sindaco del Comune di Oristano, Guido Tendas, e dell’Assessore della Regione Sardegna, Simona De Francisci.

Sono italiane e più della metà ha un’età compresa tra i 31 e i 50 anni. A sorpresa, spesso le vittime di abusi e violenze sono donne con un livello di istruzione elevata. Sono, nella maggior parte dei casi, coniugate, dipendenti economicamente dal compagno o dal marito e il 70% ha figli che, a loro volta, hanno subito violenze dal padre. Questo è l’identikit che emerge dai quasi 1000 colloqui effettuati con le oltre 100 donne che in questi due anni hanno trovato uno spazio protetto di ascolto e assistenza psicologica e legale nel Centro Antiviolenza “Donna Eleonora” di Oristano, a cui si affianca l’omonima Casa di Accoglienza.

Scarica il programma del convegno  |  Scarica la locandina  |  Scarica il comunicato

Tra le donne che si sono rivolte al Centro da novembre 2010 ad oggi emergono due principali forme di maltrattamento, la violenza psicologica e la violenza fisica e, molte volte, l’una non esclude l’altra. I partner o ex partner sono i principali responsabili e spesso maltrattano e abusano sessualmente anche dei loro figli. E anche quando le donne riescono a mettere fine al rapporto di coppia, nel 10% dei casi la violenza prosegue sotto forma di stalking. Raggiungono il 72% i casi di violenza che non vengono denunciati. Non tutte le donne che arrivano al Centro sono al corrente dei propri diritti e delle tutele previste dalla legge e temono che le forze dell'ordine non siano abbastanza celeri ed efficaci nel garantire la sicurezza e l’incolumità propria e dei figli.

Nato nel novembre 2010 per dare continuità e potenziare un servizio già esistente, lo Sportello Antiviolenza fondato nel 2001 dalla Commissione Pari Opportunità, il Centro Antiviolenza “Donna Eleonora” è un servizio del PLUS del Comune di Oristano, istituito grazie ai finanziamenti della L.R n.8 del 2007 e a servizio di tutta la Provincia, gestito da Cooperativa L’Albero della Vita Onlus. Il Centro ha tra gli obiettivi quelli di offrire un luogo di ascolto, fornire un ambiente per proteggere le donne e i loro eventuali figli, favorire il cambiamento sociale attraverso azioni mirate per contrastare pregiudizi e comportamenti che legittimano la violenza e accompagnare le donne verso il raggiungimento di una stabilità economica, abitativa e organizzativa per garantire loro una vita quanto più autonoma e indipendente possibile.

L’equipe del Centro Antiviolenza “Donna Eleonora”, che si avvale di psicoterapeute, psicologhe, assistenti sociali, educatrici, sociologhe e consulenti legali, cura l’attività di informazione e sensibilizzazione nel territorio per tenere sempre accesi i riflettori sul fenomeno della violenza di genere, contribuire alla lotta contro la violenza sulle donne nel territorio della provincia di Oristano, diminuire il fenomeno e contrastarne gli effetti.