E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • Pergamene per battesimi e matrimoni

    Pergamene per battesimi e matrimoni
    Prezzo: 3,50 €

    Per attribuire un valore ancora più profondo ai momenti più veri e importanti della......

    approfondisci
  • Tazza: "La felicità altrui è..."

    Tazza: "La felicità altrui è..."
    Prezzo: 8,00 €

    Tazza da collezione 21Minuti - I saperi dell'eccellenza A colazione lasciati ispirare......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / Fondazione Paoletti al tavolo di discussione...

News

Bookmark and Share
Fondazione Paoletti al tavolo di discussione internazionale sulla Certificazione e Normazione Volontaria del Counselor
Fondazione Paoletti al tavolo di  discussione internazionale sulla Certificazione e Normazione Volontaria del Counselor

Il 7 maggio 2012, presso la sede del CNA (Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa), la Fondazione Patrizio Paoletti ha partecipato ad un evento che vuole rappresentare un passo significativo verso la tutela della professione del counselor: il Tavolo di discussione internazionale sulla Certificazione e Normazione Volontaria del Counselor. L’incontro fa seguito all’approvazione presso la Camera dei Deputati della Legge 1934 “Disposizioni in materia di professioni non regolamentate” e dell’avvio del tavolo UNI per la Normazione Volontaria sul Counseling.

Il tavolo di lavoro, coordinato dal prof. Vincenzo Masini (direttore della Libera Università del Counseling), Emanuela Mazzoni (Presidente Associazione Counselor Professionisti) e Lorenzo Barbagli (Direttore dell’Agenzia Italiana Certificazione Counselor), ha avuto come graditissimi ospiti internazionali Andreea Szylagyi, vice direttore dell’European Board for Certified Counselors e Thomas W. Clawson, presidente del National Board for Certified Counselors degli Stati Uniti.

I due ospiti hanno ampiamente dialogato, mettendo a disposizione la loro ampia competenza, con gli altri relatori – in particolare Giancarlo Colferai del CEPAS (certificazione delle professionalità e della formazione) e il già citato Lorenzo Barbagli – e con i rappresentanti di diverse scuole di counseling.

Gli avanzamenti previsti per il riconoscimento dell’importante professionalità del Counseling in Italia si muovono nella direzione di favorire, attraverso la formazione e la certificazione volontaria prevista dalla Legge 1934 in discussione al Senato per questo autunno, un riconoscimento delle conoscenze e competenze del singolo Counselor trasferite e sviluppate attraverso corsi di formazione triennali, circa due anni di attività di colloquio e supervisione, aggiornamento professionale annuale.

Il 15 maggio 2012 si terrà la prima, importante tavola rotonda per la costruzione della Norma UNI di riferimento presso appunto la sede milanese dell’Ente Nazionale Italiano di Unificazione.

Attraverso questo appuntamento si aprirà la cosiddetta fase di 'inchiesta pubblica' per la definizione degli aspetti di tipo normativo che attengono alla qualificazione e al contenuto della prestazione di counseling. Una volta raggiunto lo standard di riferimento, la tipologia e le modalità delle prestazioni erogate dalla figura del counselor, tutti i professionisti, che si sottoporranno a certificazione UNI come da Legge 1934 in corso di approvazione, dovranno attenersi a questi elementi e ciò sarà una garanzia per il professionista e per i clienti stessi.

Scuola di counseling relazionale