E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • Biglietto "Mille cuori"

    Biglietto "Mille cuori"
    Prezzo: 2,00 €

    A San Valentino, diglielo con i regali del cuore! Rendi il tuo messaggio d'amore ancora più......

    approfondisci
  • T-Shirt Giracuori arancione per bambino

    T-Shirt Giracuori arancione per bambino
    Prezzo: 15,00 €

    Sono coloratissime, allegre e le abbiamo realizzate con tutta la nostra passione e il nostro amore......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / ORIENTamenti. Nuove competenze linguistiche in un mondo che...

News

Bookmark and Share
ORIENTamenti. Nuove competenze linguistiche in un mondo che cambia
ORIENTamenti. Nuove competenze linguistiche in un mondo che cambia

“Selezionare i nutrimenti per i nostri figli oggi significa garantirci domani un’umanità migliore, più capace di confrontarsi con l’inevitabile globalizzazione in corso” (Patrizio Paoletti)

Quello dell’educazione è un ambito fortemente sensibile ai cambiamenti di un mondo che si muove ad altissima velocità come quello in cui viviamo. La crisi economica ha già mutato radicalmente i tessuti sociali e gli equilibri politici su scala planetaria e con essi cambiano anche le competenze che il futuro chiede alle nuove generazioni.

L’asse economico mondiale si sta spostando, anche prima della crisi e con una certa evidenza, verso Oriente: potenze economiche come Cina e India hanno ormai già rivoluzionato la storia dell’umanità. La Cina acquista oggi i debiti di Europa e Stati Uniti, domina le rotte commerciali, propone lo yuan come moneta alternativa a euro e dollaro e punta a modificare l’universo della comunicazione.

In un recente articolo, LaRepubblica.it fa una puntuale riflessione sull’argomento, evidenziando come il mutamento delle abitudini linguistiche, così come è accaduto in passato con la diffusione su scala planetaria dell’inglese, siano una chiara spia di questo spostamento economico, politico e sociale verso l’Oriente.

Il cinese, fa notare il quotidiano, è divenuta la lingua che riscuote più interesse in tutto il mondo: la studiano oggi 50 milioni di persone non madrelingua (dato che fa schizzare a + 2500% quello raccolto nel 2000!). A questa sensazionale cifra vanno aggiunti gli 850 milioni di madrelingua e i 190 milioni di individui che parlano già il cinese come seconda lingua.

Se qui in Occidente non ce ne fossimo ancora accorti, la Cina, già seconda potenza economica, è diventata la prima potenza linguistica del mondo!

Questi dati hanno già un effettivo riscontro nelle scelte di molte aziende europee che ormai quasi sistematicamente, soprattutto in Germania, richiedono la conoscenza della lingua cinese come prerequisito per l’assunzione.

L’universo dell’istruzione è chiamato ad allinearsi a questi nuovi orientamenti per poter fornire alle nuove generazioni gli strumenti idonei a cogliere pienamente le nuove opportunità offerte dal futuro.

Scuole e Università italiane si stanno attrezzando con corsi intensivi e modifiche storiche ai programmi didattici, ma è necessario fare in fretta: il cambiamento è già in atto da tempo ed è sempre più rapido, il futuro attende i nostri figli già da adesso.