E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • Crescere nell'Eccellenza

    Crescere nell'Eccellenza
    Prezzo: 15,00 €

    Collana: I problemi dell'educazione di Armando Editore Titolo: Crescere......

    approfondisci
  • T-Shirt Vivi Appassionatamente Uomo

    T-Shirt Vivi Appassionatamente Uomo
    Prezzo: 20,00 €

    Vivi Appassionatamente, dillo a tutti! Acquistando la maglietta della fondazione Paoletti non solo......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / Google sta sviluppando un motore di ricerca vocale per...

News

Bookmark and Share
Google sta sviluppando un motore di ricerca vocale per bambini in età prescolare
Google sta sviluppando un motore di ricerca vocale per bambini in età prescolare

di ANDREA MINCIARONI

Uno dei primi sondaggi realizzati nel nostro paese sulla diffusione delle tecnologie digitali tra i bambini al di sotto dei 5 anni è stato condotto nel 2017 dal Centro per la Salute del Bambino Onlus di Trieste in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri. Dal sondaggio, basato sulla compilazione di 1500 questionari, è emerso che già nel secondo anno di vita il 60% dei genitori lascia usare lo smartphone ai propri figli e nella fascia di età tra i 2 e i 5 anni la percentuale sale fino a sfiorare l'80%.

I bambini, già in età prescolare, sono sempre più connessi e capaci di utilizzare con disinvoltura le tecnologie digitali a disposizione: smartphone e tablet in primis.

Questo dato è interessante, e da tenere in considerazione, alle luce del nuovo progetto che sta sviluppando Google. Recentemente, il gigante di Mountain View, ha depositato un brevetto europeo chiamato "Gamifyng Voice Search Experience for Children". Si tratta di un brevetto per sviluppare un nuovo motore di ricerca vocale pensato per bambini in età prescolare.

Per interagire con i bambini, questo nuovo motore di ricerca utilizzerebbe una nuova versione interfaccia a bolle animate. Google ha dichiarato che: "può trasformare la ricerca in un'esperienza simile a un gioco che insegna ai piccoli utenti come cercare contenuti interessanti".

La piattaforma avrebbe come target specifico i bambini che non sanno ancora leggere. In particolare, la funzione di ricerca si attiverebbe scoppiando le bolle sullo schermo e chiedendo argomenti legati all'età, come animali o giochi. Le bolle animate, rimarrebbero attive sulla pagine mostrando che il dispositivo è in fase di ascolto.

Considerando l'importanza e la diffusione di Google, primo motore di ricerca utilizzato in assoluto e porta di accesso a qualsiasi informazione sul web, qualora il progetto andasse in porto, questo nuovo strumento potrebbe essere utilizzato da migliaia di bambini in età prescolare.

Da questo punto di vista è opportuno riflettere su diversi aspetti pedagogici ed educativi: questo nuovo strumento in che modo intende coinvolgere gli adulti? Come sarà predisposto l'ambiente di apprendimento in fase di utilizzo? Inoltre, lo strumento è in grado di sviluppare nuove competenze e abilità dei bambini?

Dai 0 a 3/4 anni di età l'apprendimento senso-motorio è importantissimo per la crescita del bambino, un'altra questione sui cui riflettere è il coinvolgimento della dimensione motoria e sensoriale in fase di utilizzo di questa nuova tecnologia.

Google ha dichiarato che l'idea è ancora in fase embrionale e potrebbe anche non concretizzarsi, per adesso stiamo parlando solo di un brevetto. Tuttavia, evitando giudizi affrettati, riflettere in modo neutrale sui processi e le conseguenze pedagogiche di un nuovo strumento, è fondamentale per tutti: genitori, educatori, insegnanti. E per chiunque abbia a cuore l'integrità e l'equilibrio psico-fisico dei bambini durante le loro prime fasi di crescita e apprendimento.