E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • Biglietto di Natale "Christmas Gift"

    Biglietto di Natale "Christmas Gift"
    Prezzo: 2,00 €

    Rendi questo Natale ancora più speciale! Arricchisci i tuoi regali con i nuovi biglietti di......

    approfondisci
  • Le nuove Pergamene solidali

    Le nuove Pergamene solidali
    Prezzo: 3,50 €

    Sono arrivate le nuove pergamene solidali, dai un valore ancora più profondo ai momenti......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

Elenco news

Bookmark and Share
20/09/2011 - L'infanzia disagiata. Effetti della povertà sul cervello. Parte II
L'infanzia disagiata. Effetti della povertà sul cervello. Parte II

Segue da L'infanzia disagiata. Effetti della povertà sul cervello. Parte I Un ulteriore studio sull’apprendimento del linguaggio condotto da Rajeev Raizada, neurologo dell’Università di Washington, ha fatto emergere che l’attività neuronale dell’area di Broca dei bambini meno istruiti e più poveri è mediamente più debole durante l’esecuzione di compiti specifici. Non solo: ...

Continua

16/09/2011 - L'infanzia disagiata. Effetti della povertà sul cervello. Parte I
L'infanzia disagiata. Effetti della povertà sul cervello. Parte I

La povertà che colpisce l'infanzia in diverse aree del mondo è un problema da affrontare con la massima urgenza, non solo con aiuti umanitari ma anche attraverso interventi pedagogici specifici. A confermarlo, oggi, è anche la ricerca scientifica. Si è scoperto, infatti, che la povertà influisce negativamente sullo sviluppo cerebrale dei ...

Continua

12/09/2011 - Motor training: il cervello in movimento. Parte II
Motor training: il cervello in movimento. Parte II

Segue da Motor training: il cervello in movimento. Parte I I primi risultati concreti ottenuti tramite motor training sono giunti dal trattamento terapeutico dell’autismo. Il dr. Haralòd Blomberg, psichiatra svedese che ha lavorato con bambini autistici per oltre 20 anni, ha sviluppato un programma di motor training che consiste in ...

Continua

02/09/2011 - La libertà individuale non è una questione di genere
La libertà individuale non è una questione di genere

L’impegno nel campo dell’educazione e dei diritti dell’infanzia della Fondazione Patrizio Paoletti prescinde da sempre dalle differenze di genere. Riteniamo che a tutti i bambini e le bambine del mondo debbano essere garantiti gli stessi diritti e la stessa opportunità di esprimere la propria personalità. Nei progetti del programma Scuole nel Mondo, ...

Continua

07/07/2011 - E' possibile allenare il cervello? Fondazione Paoletti al 14° Congresso di Neurofisiologia
E' possibile allenare il cervello? Fondazione Paoletti al 14° Congresso di Neurofisiologia

ROMA, 21-25 giugno – Migliorare le performance del nostro cervello con un semplice esercizio di motor training? Oggi è possibile! La dott.ssa Tal Dotan ben-Soussan, ricercatrice della Fondazione Paoletti, ha presentato il progetto “Tecnica Base del Quadrato” (Quadrato Motor Training) al 14° Congresso di Neurofisiologia Clinica di Roma, presso la Facoltà ...

Continua

24/06/2011 - Come reagiamo alle difficoltà? Il cervello resiliente. Parte II
Come reagiamo alle difficoltà? Il cervello resiliente. Parte II

Segue da “Come reagiamo alle difficoltà? Il cervello “resiliente”. Parte I” Nella prima parte dell’articolo abbiamo introdotto il concetto di “resilienza” che descrive, in ambito psicologico, un processo dinamico che permette all’essere umano di adattarsi positivamente ad una situazione avversa. Tale adattamento permette a tutti noi di uscire notevolmente rafforzati dalle prove ...

Continua

06/06/2011 - Fondazione Patrizio Paoletti è Ente Nazionale di Ricerca
Fondazione Patrizio Paoletti è Ente Nazionale di Ricerca

Dal 4 maggio 2011 Fondazione Patrizio Paoletti per lo sviluppo e la comunicazione è ente nazionale di ricerca, iscritto all'anagrafe del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca censito con il codice 60357SEQ. Un ulteriore passo per partecipare e approfondire lo stato della Ricerca in Italia, utile ad evitare la duplicazione e la ...

Continua

26/05/2011 - Il nostro sentito cordoglio per la scomparsa del Prof. Petter, Maestro d’Eccellenza
Il nostro sentito cordoglio per la scomparsa del Prof. Petter, Maestro d’Eccellenza

Il Presidente Patrizio Paoletti e tutto lo staff della nostra Fondazione esprimono, oggi, il loro cordoglio per la scomparsa del Prof. Guido Petter, che il 24 maggio ci ha lasciati a causa di un improvviso malore. Il Professore, ordinario di “Psicologia dello sviluppo” e di “Psicologia dell’adolescenza” presso la Facoltà ...

Continua

29/04/2011 - Sviluppo cerebrale: l'importanza della famiglia
Sviluppo cerebrale: l'importanza della famiglia

In un articolo ("Effects of Stress on the Developing Brain" - "Effetti dello stress sullo sviluppo del cervello") pubblicato sul portale della Dana Foundation, il ricercatore Bruce S. McEwen, PhD della Rockefeller University di New York, spiega che gli abusi e l’abbandono dei bambini hanno effetti negativi sul loro sviluppo cerebrale ...

Continua

19/04/2011 - La lunga ombra dei disagi infantili
La lunga ombra dei disagi infantili

Le difficoltà psicologiche dei bambini hanno impatti sociali ed economici, individuali e collettivi, a lungo termine. E’ quanto afferma una ricerca condotta da un pool di ricercatori americani e inglesi guidati dal prof. James J. Smith, economista presso l’organizzazione no profit “RAND Corporation” di Santamonica, in California. Si tratta di uno ...

Continua