E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • Traslazione

    Traslazione
    Prezzo: 18,00 €

    Disponibile nelle seguenti lingue: italiano, inglese, spagnolo, francese, portoghese Collana:......

    approfondisci
  • T-Shirt Vivi Appassionatamente Uomo

    T-Shirt Vivi Appassionatamente Uomo
    Prezzo: 20,00 €

    Vivi Appassionatamente, dillo a tutti! Acquistando la maglietta della fondazione Paoletti non solo......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

progetti

Bisogni educativi speciali

Bookmark and Share
Bisogni educativi speciali

A seguire tutti i corsi dell'area "Bisogni Educativi Speciali (BES)" con una breve presentazione e la descrizione degli obiettivi.

La formazione può essere erogata in presenza, on-line o in modalità blended, cioè supportando la formazione d’aula con la nostra piattaforma e-learning o integrando il percorso in presenza anche con momenti di studio e approfondimento personali.

Clicca sul nome del corso per i dettagli:

Il Piano Educativo Individualizzato (PEI)

Il Piano educativo individualizzato (PEI) è il documento nel quale vengono descritti gli interventi integrati ed equilibrati tra di loro, predisposti per l’alunno in situazione di handicap, in un determinato periodo di tempo, ai fini della realizzazione del diritto all’educazione e all’istruzione. In genere esso è redatto congiuntamente dagli operatori sanitari individuati dalla ASL e dal personale docente curricolare o di sostegno della scuola, nonché, laddove presente, con la partecipazione dell’operatore psico-pedagogico, in collaborazione con i genitori (o chi esercita la potestà parentale sul minore). Nella redazione, il PEI deve prendere in considerazione i progetti didattico-educativi, riabilitativi e di socializzazione individualizzati, nonché le forme di integrazione tra attività scolastiche ed
extrascolastiche. Il modulo intendo offrire le conoscenze di base per poter impostare il PEI e per collaborare efficacemente con le altre figure professionali coinvolte nel processo di redazione del PEI.

Obiettivi:
• Approfondire la normativa sul PEI
• Approfondire la diagnosi funzionale e il profilo dinamico funzionale
• Imparare a costruire un piano educativo individualizzato
• Imparare a monitorare e ad apportare modifiche al piano.
 


I Bisogni Educativi Speciali (BES)

Sempre più spesso, nelle classi, gli insegnanti sono chiamati a gestire casi di bambini che presentano diverse difficoltà nell’ambito dei processi di apprendimento e/o di relazione, facendo diventare indispensabile la tematica dell’inclusione. Per questo è sempre più necessario che gli insegnanti acquisiscano competenze nella gestione dei Bisogni Educativi Speciali. Durante il corso verrà approfondita la direttiva riguardante i BES, le diverse tipologie dei bisogni speciali e le loro relative caratteristiche, i primi passi per progettare una didattica che sia realmente inclusiva.

Obiettivi:
• Orientarsi all’interno della normativa riguardante i BES
• Definire meglio i BES
• Approfondire le caratteristiche delle diverse tipologie di BES
• Studiare strategie di integrazione.

 


Buone prassi di integrazione

La progettazione di un’educazione inclusiva poggia sulla necessità di offrire a tutti gli studenti un’educazione di qualità che tenga conto delle diversità e dei differenti bisogni e abilità di ciascuno, rispettandone le caratteristiche e le  aspettative. Una scuola inclusiva ha quindi il compito di garantire la partecipazione attiva ai processi di apprendimento, raggiungendo gli obiettivi formativi stabiliti per ogni studente ed evitando al tempo stesso ogni forma di discriminazione. È necessario quindi che gli insegnanti e tutti coloro che sono coinvolti nella progettazione ed erogazione di interventi nella scuola abbiano a disposizione strategie e strumenti utili affinché gli alunni possano raggiungere gli obiettivi didattici prefissati utilizzando percorsi diversi. In particolare è importante saper valutare le caratteristiche dell’alunno, avere le competenze per sostenerlo al meglio, saper cooperare con il collegio docenti per la costruzione della giusta strategia didattica.

Obiettivi:
• Acquisire le conoscenze necessarie per valutare il reale bisogno degli allievi
• Imparare ad elaborare attività didattiche inclusive
• Approcciare alle procedure per mettere in atto le migliori prassi per l’integrazione

 


Il disturbi dell’attenzione e dell’iperattività

I disturbi dell’attenzione e dell’iperattività costituiscono alcuni tra i bisogni educativi speciali che rischiano, se non adeguatamente gestiti, di assorbire molte attenzioni ed energie degli insegnanti nel corso delle attività didattiche e che potrebbero potenzialmente avere un grande impatto sul lavoro dell’intero gruppo classe. I segnali più evidenti che caratterizzano questa tipologia di problemi, sono infatti la difficoltà a controllare i propri comportamenti motori, l’elevata distraibilità e l’eccessiva impulsività. Il corso di formazione intende presentare delle metodologie e strategie che possano aiutare gli insegnanti nel riconoscimento e nella gestione del bambino affetto da ADHD e/o da Disturbi dell’Apprendimento, accompagnando sempre queste azioni ai principi di una didattica consapevole che non rinunci all’atto educativo come fondamento della qualità dello sviluppo dell’individuo.

Obiettivi:
• Approfondire l’idea dell’atto educativo come riferimento
• Esplorare le caratteristiche del disturbo dell’attenzione e dell’iperattività
• Apprendere strumenti e tecniche per interagire con bambini/ragazzi affetti dal D.D.A.I.

 


Il Piano Didattico Personalizzato (PDP)

Il Piano Didattico Individualizzato è uno strumento utilizzato per progettare interventi formativi costruiti sulle esigenze del singolo studente nell’ambito dei Bisogni Educativi Speciali. La redazione del PDP era inizialmente prevista per gli alunni con DSA ma è dal 2012 estesa a tutti gli allievi con BES. Nella redazione del PDP occorre partire dalla tipologia delle difficoltà manifestate per poter meglio elaborare le migliori strategie didattiche e poter individuare gli strumenti compensativi e le metodologie didattiche migliori per permettere al bambino/ragazzo di raggiungere gli obiettivi formativi stabiliti. In ultimo il PDP prevede la progettazione di uno schema valutativo che permetta di verificare gli apprendimenti raggiunti.

Obiettivi:
• Approfondire gli elementi costitutivi del Piano Didattico Individualizzato
• Esplorare gli strumenti compensativi
• Approfondire le metodologie didattiche di inclusione.

Torna alla pagina principale