E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • T-Shirt Vivi Appassionatamente Uomo

    T-Shirt Vivi Appassionatamente Uomo
    Prezzo: 20,00 €

    Vivi Appassionatamente, dillo a tutti! Acquistando la maglietta della fondazione Paoletti non solo......

    approfondisci
  • Normalizzazione

    Normalizzazione
    Prezzo: 18,00 €

    Disponibile nelle seguenti lingue: italiano, inglese, spagnolo, francese, portoghese Collana:......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

progetti

Abilità di studio

Bookmark and Share
Abilità di studio

A seguire tutti i corsi dell'area "Abilità di studio e prevenzione insuccesso scolastico" con una breve presentazione e la descrizione degli obiettivi.

La formazione può essere erogata in presenza, on-line o in modalità blended, cioè supportando la formazione d’aula con la nostra piattaforma e-learning o integrando il percorso in presenza anche con momenti di studio e approfondimento personali.

Clicca sul nome del corso per i dettagli:

Intelligenze e apprendimento

Nel corso degli anni 80 lo psicologo statunitense Howard Gardner, teorizzò la possibilità che l’intelligenza non fosse una capacità unitaria ed unica, arrivando nel corso delle sue ricerche, a definire almeno 9 abilità/intelligenze:
• Intelligenza logico-matematica
• Intelligenza linguistica
• Intelligenza spaziale
• Intelligenza musicale
• Intelligenza cinestetica o procedurale
• Intelligenza interpersonale
• Intelligenza intrapersonale
• intelligenza naturalistica
• intelligenza filosofico-esistenziale

Il corso avrà come tema le diverse intelligenze, come riconoscerle e come poterle utilizzare per favorire l’apprendimento nei bambini, costruendo programmi ed attività didattiche efficaci, che tengano conto dei diversi stili di apprendimento caratteristici di ciascuna abilità: poter utilizzare questa varietà differenziando il proprio intervento costituisce un primo e fondamentale intervento di inclusione e potenziamento delle abilità degli alunni, restituendo a ciascuno capacità e senso di efficacia.

Obiettivi:
• Acquisire una griglia di osservazione chiara delle diverse intelligenze e delle loro caratteristiche
• Approfondire i diversi stili di apprendimento e come possono essere stimolati attraverso attività specifiche
• Acquisire strumenti di progettazione di attività didattiche basate sull’inclusività.
 


Processo Euristico

In pedagogia il metodo euristico è anche conosciuto come il “metodo della scoperta” e consiste nel condurre gradualmente l’alunno a scoprire da solo ciò che si desidera egli conosca, mediante un suo costante ed attivo coinvolgimento nei percorsi di ricerca e d’interpretazione. Così operando, l’alunno padroneggia le conoscenze acquisite ed è in grado di utilizzarle per le successive fasi di apprendimento. È opposto al procedimento algoritmico, processo convenzionale di trasmissione del sapere, che necessità di essere insegnato e allenato. Un sapere euristico va infatti appreso e sottintende la costruzione da parte del soggetto di una procedura adeguata alla risoluzione del compito, sviluppando la capacità di dare senso a ciò che si sta facendo. Il ruolo del docente in questo processo è soprattutto relativo all’organizzazione delle condizioni d’apprendimento degli allievi. A tale scopo deve soprattutto essere in grado di mettere in gioco le situazioni opportune e saperle mediare (attraverso vincoli e variabili) nel modo più appropriato, in relazione alle reali possibilità d’apprendimento degli allievi. E’ essenziale quindi la creazione di un ambiente esterno che possa favorire un processo interno di costruzione di un sapere che passi, appunto, dall’esperienza diretta e sia guidato, nella sua stratificazione, da un orientamento che rispetti al tempo stesso modalità
e abilità dell’allievo.

Obiettivi:
• Tradurre meglio i contenuti disciplinari in obiettivi di apprendimento
• Imparare a pianificare sequenze didattiche capaci di coinvolgere emotivamente
• Imparare ad applicare il processo euristico e/o il processo algoritmico
• Insegnare a guardare agli errori come ad occasioni di apprendimento.

 


Mind training: metodi e tecniche per la didattica

L’apprendimento, la gestione di molteplici informazioni e la connessione dei saperi, può avvenire in maniera semplice, veloce e soprattutto duratura se vengono utilizzate specifiche tecniche di apprendimento che organizzano le informazioni che ci raggiungono e che abbiamo selezionato. La formazione tecnica del ciclo “Mind training”, parte del metodo PTM, si struttura su tecniche di gestione e organizzazione del sapere ottimizzando l’utilizzo di facoltà cognitive ed emotive grazie all’apporto del sistema R.A.D.R.O. (Riconoscere, Acquisire, Differenziare, Raggruppare, Organizzare), permettendo così ai saperi di essere disponibili, collegati e comunicanti all’interno del complesso sistema di reti neuronali. Il percorso consiste di tre moduli, propedeutici l’uno all’altro:

1. Mappe mentali per organizzare il sapere.
2. Memorizzazione per utilizzare in tempo reale tutta la conoscenza.
3. Lettura veloce per acquisire dati, in qualità e in quantità.

Obiettivi:
• Incrementare la propria capacità di gestire la complessità degli stimoli lavorativi per semplificare, dare priorità e velocizzare la gestione del sapere
• Acquisire tecniche e competenze di memorizzazione allo scopo di innalzare la quantità e la qualità delle informazioni, riducendo le dispersioni e ottimizzando i tempi di acquisizione del sapere
• Aumentare la propria velocità di lettura per facilitare il processo di acquisizione dei dati nelle fasi di lavoro che lo prevedono, aumentando anche la capacità di comprensione del testo.

 


La costruzione della fiducia in se stessi e l’automotivazione

La costruzione della fiducia in se stessi e la capacità di motivarsi sono due aspetti centrali per lo sviluppo del bambino e sono due fattori connessi tra loro che possono essere educati. Centrale in questo processo educativo è il ruolo dell’insegnante e dell’ambiente di apprendimento creato per lo sviluppo di queste abilità. Gli studi e le ricerche recenti hanno dimostrato che l’apprendimento è un processo complesso, in cui bambino e insegnante sono entrambi coinvolti in un rapporto dinamico, attivo, che mette in gioco non solo aspetti contenutistici, ma anche relazionali ed affettivi. Diventa allora centrale la capacità dell’insegnante di saper mediare tra la posizione nella quale il bambino si trova e il risultato desiderato, mantenendo un livello di osservazione altoche possa permettere all’educatore di correggere
la rotta adattando l’intervento di volta in volta alla capacità del bambino. Tutto questo per contribuire a sviluppare nel bambino un senso di capacità e desiderio di apprendere che possa innescare un processo di automotivazione.

Obiettivi:
• Apprendere gli elementi fondamentali del processo di mediazione secondo il metodo di Pedagogia per il Terzo Millennio
• Potenziare la propria capacità di osservazione attraverso l’uso di griglie
• Imparare a familiarizzare con le diverse intelligenze per poter attuare un intervento differenziato.

 


Le preferenze più intime e la scoperta dei talenti

Il corso intende offrire ai docenti tecniche e strumenti per contribuire all’individuazione dei talenti presenti negli allievi e per sollecitarne l’utilizzo. Per talento si intende un particolare tipo di intelligenza che vive in ciascuno, talvolta senza consapevolezza. La scuola può essere un luogo privilegiato all’interno del quale i ragazzi possono intraprendere un processo di più profonda conoscenza di sé, individuando i propri talenti e imparando come metterli a frutto. In particolare il modulo offrirà un approfondimento sul ruolo giocato dalle emozioni nel riconoscimento delle proprio preferenze più intime e nel mettere in atto delle azioni orientate al raggiungimento dei propri obiettivi. L’intelligenza emotiva si può definire infatti come la capacità di gestire i propri sentimenti ed emozioni per guidare al meglio i propri pensieri e le proprie azioni. Durante il corso saranno forniti strumenti per aiutare i ragazzi ad estrarre da loro le risorse che potranno utilizzare nella vita scolastica e professionale.

Obiettivi:
• Imparare a focalizzare le tecniche di estrazione dei valori e delle risorse utili per mettere a frutto i talenti
• Chiarire meglio il principio di congruità, unito alla sensazione di autoefficacia e autostima.

Torna alla pagina principale