E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • Quaderno Millecolori (PRODOTTO ESAURITO)

    Quaderno Millecolori (PRODOTTO ESAURITO)
    Prezzo: 5,00 €

    (PRODOTTO MOMENTANEAMENTE ESAURITO) Paghi uno, regali due! E' arrivata una bellissima......

    approfondisci
  • Tazza ViVi Appassionatamente (PRODOTTO ESAURITO)

    Tazza ViVi Appassionatamente (PRODOTTO ESAURITO)
    Prezzo: 9,00 €

    (PRODOTTO MOMENTANEAMENTE ESAURITO) Vivi Appassionatamente, dillo a tutti! E se è......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / #1MILIONEDIPASTI, parola ai volontari: "Il prendersi...

News

Bookmark and Share
#1MILIONEDIPASTI, parola ai volontari: "Il prendersi cura mantiene viva la speranza"
#1MILIONEDIPASTI, parola ai volontari: "Il prendersi cura mantiene viva la speranza"

Perché hai deciso di contribuire alla campagna "1 Milione di pasti"?

Volevo mettermi in gioco in prima persona. L'idea di incontrare l’altro con il suo mondo così povero e così ricco, era veramente coinvolgente.

Ci racconti una sensazione che hai vissuto, la storia di un ospite con cui hai parlato, un'immagine che ti è rimasta in mente?

Sapevo di incontrare la marginalità. Gli ospiti erano di tutti i tipi, da ogni parte del mondo, da ogni classe sociale. Si poteva capire dalla varietà degli abbigliamenti, dai più stravaganti ai formali ed eleganti, ma tutti molto dignitosi. Le storie di queste persone, che ho percepito come molto sfortunate, mi hanno raggiunto in qualche modo tramite il contatto, l’aspetto, gli sguardi, i gesti. Nonostante l'aspetto del luogo nel quale vivono, mi ha colpito non avere trovato un’atmosfera di tristezza. La sensazione che si percepisce è quella di serenità e gioia. Nel centro di Via Mambretti, a Milano, gli ospiti trovano ristoro e il calore della mensa, oltre che il piacere della compagnia di persone come noi volontari, che per loro sono una ventata di freschezza e di colore!

Cosa ti ha lasciato questa esperienza e perché secondo te è importante un progetto come “1 Milione di pasti” in questo momento in Italia?

Mi ha lasciato gratitudine per tutto ciò che ho e che manca a queste persone, la consapevolezza che anche quelle che ci sembrano le più piccole cose, nella vita di queste persone non sono garantite. Questo progetto è importante perché in questo momento storico le situazioni di esclusione e marginalità sociale in Italia sono in continuo aumento. Il prendersi cura dei senza fissa dimora e dei cosiddetti “nuovi poveri”, persone che si trovano in un momentaneo stato di indigenza, li sostiene e mantiene in loro viva la speranza.

Giannarosa

Sostieni il progetto   |   Torna alla pagina del progetto