E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • T-Shirt Vivi Appassionatamente Donna

    T-Shirt Vivi Appassionatamente Donna
    Prezzo: 20,00 €

    Vivi Appassionatamente, dillo a tutti! Acquistando la maglietta della fondazione Paoletti non......

    approfondisci
  • Pergamene per battesimi e matrimoni

    Pergamene per battesimi e matrimoni
    Prezzo: 3,50 €

    Per attribuire un valore ancora più profondo ai momenti più veri e importanti della......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / #1MILIONEDIPASTI, parola ai volontari: "ho realizzato...

News

Bookmark and Share
#1MILIONEDIPASTI, parola ai volontari: "ho realizzato di non aver solo dato, ma anche di aver ricevuto tanto"
#1MILIONEDIPASTI, parola ai volontari: "ho realizzato di non aver solo dato, ma anche di aver ricevuto tanto"

Cosa ti ha spinto a diventare volontaria per il progetto 1 Milione di pasti?

La mia vita è tutta dedicata al prendersi cura: sono una mamma e lavoro in ospedale, mettendoci tutto l'amore e la passione che posso. In questo momento di crisi, in cui sempre più persone si trovano in difficoltà, sento il bisogno di dare il mio contributo. Così ho deciso di muovermi da Verona a Milano per partecipare a 1 Milione di Pasti ed è stato anche un modo per sperimentarmi come donna in una tipologia di relazione diversa. Sono partita nel giorno di Natale, con molta motivazione e voglia di esserci.

E poi è arrivato il momento della distribuzione dei pasti...

Era la sera di Natale, nel centro di via Mambretti si percepiva davvero un'atmosfera magica.
Uno degli ospiti mi ha colpito in particolare. Era un signore italiano, molto distinto. Aveva una folta barba ed indossava un elegante completo grigio. Se ne stava composto seduto su una panca, aveva l'aria d'essere un professore di liceo. Quando gli ho portato il pasto al tavolo mi ha sorriso e ringraziato gentilmente. Ho pensato che una persona come lui non era il solito ospite che si trova in questi centri di accoglienza, ed ho realizzato che oggi basta molto poco per trovarsi nella condizione di chiedere aiuto per avere un pasto caldo.
A fine serata un ragazzo nordafricano si è avvicinato a noi, era anche lui un ospite del centro. Diceva di aver incontrato una signora alla stazione, era sola, infreddolita e non aveva nulla da mangiare. Era pronto a rinunciare al suo pasto per aiutarla, nonostante lui ne avesse bisogno almeno quanto lei.

Cosa ti ha lasciato quest'esperienza di solidarietà e d’aiuto?

Quando sono tornata a casa, ho avvertito un forte calore dentro di me, ed un grande senso di pienezza. Arrivando in Via Mambretti non nascondo che ho provato una sensazione di sconforto vedendo le tantissime persone in difficoltà del centro. Poi le mie emozioni sono mutate nel corso della serata, trasformandosi in sensazioni positive fisiche e mentali, spinte dalla forza che ho visto negli occhi di tantissimi di loro. Prima di addormentarmi, ho finalmente realizzato di non aver solo dato, ma anche di aver ricevuto tanto.

Marta

Sostieni il progetto   I   Torna alla pagina del progetto