E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • JTF 2017 - Famiglia 4 componenti

    JTF 2017 - Famiglia 4 componenti
    Prezzo: 1044,00 €

    Junior Training Family ? il Campus internazionale per la famiglia pensato dai professionisti della......

    approfondisci
  • Biglietto "Me&You"

    Biglietto "Me&You"
    Prezzo: 2,00 €

    A San Valentino, diglielo con i regali del cuore! Rendi il tuo messaggio d'amore ancora più......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / La pratica dell’incontro per ridefinire speranza e...

News

Bookmark and Share
La pratica dell’incontro per ridefinire speranza e capacità. Fondazione Paoletti al convegno internazionale sul circo sociale di Firenze

di CIRO SCATEGNI

Fondazione Paoletti è project partner della III° edizione del convegno internazionale "Circo sociale: un'Altra Risorsa - Strumenti di integrazione culturale. Identità e diversità nell’epoca delle nuove migrazioni”, che si svolge sabato 22 e domenica 23 aprile 2017 presso l’Impact Hub di via Panciatichi a Firenze.

Patrocinato dal Comune di Firenze e organizzato da “AltroCirco” e “Associazione Giocolieri e dintorni” in collaborazione con Cirque du Soleil, l'evento ha l’obiettivo di guardare alla pratica educativa del circo come ad un’ “altra risorsa”, uno strumento educativo e di integrazione socio-culturale adattabile alle peculiarità di ogni persona e contesto. Perché il circo esiste proprio grazie alla diversità di vissuti, visioni e abilità, costituendo fonte di ricchezza anziché di emarginazione.

Venerdì 21 aprile alle 12.30 è in programma anche la conferenza stampa dell'evento a Palazzo Vecchio con gli interventi, tra gli altri, del vice-sindaco di Firenze, Cristiana Giachi, e l'assessore welfare e sanità, Sara Funaro.

Leggi il programma   |   Comunicato stampa  |  Conferenza stampa

Il contributo di Fondazione Paoletti

Il convegno è ormai da 3 anni un appuntamento fisso per la Fondazione Paoletti che, in qualità di ente di ricerca ed ente qualificato per la formazione riconosciuto dal MIUR, porta la sua esperienza di ricerca e formativa in ambito neuroscientifico e psico-pedagogico.

“La pratica dell’incontro per ridefinire un’orizzonte di speranza e capacità” è il titolo dell’intervento di Marco Benini, pedagogista e responsabile dei progetti sociali della Fondazione Paoletti, in programma sabato 22 aprile alle ore 14.30.

In questo tempo storico le nostre vite e le nostre società sono attraversate dalla sfida della multiculturalità e della complessità. Le nostre radici culturali, sottoposte a sfide così intense e impreviste, presentano un'evidente difficoltà di aggiornamento alimentando fenomeni di sofferenza sociale diffusa, di stress ed insicurezza. Assistiamo così ad un movimento di sublimazione e difesa di tutte quelle identità culturali ed individuali che si sentono minacciate dalla crescente complessità che questa sfida rappresenta.

Tuttavia come società possediamo gli strumenti culturali e scientifici che ci permettono di affrontare con successo questa condizione, volgendo una situazione, ormai pericolosamente instabile, in una nuova posizione di vantaggio comune e globale.

Partendo dall’approccio del metodo Pedagogia per il Terzo Millennio, l’intervento si pone l’obiettivo di evidenziare alcuni processi linguistici, cognitivi ed emotivi che regolano la costruzione dei linguaggi nella famiglia umana. La conoscenza, anche parziale, di questi meccanismi rappresenta infatti uno strumento di intervento socio-educativo specifico che permette ad operatori specializzati e persone comuni di ridefinire le problematiche sollevate dalle incongruenze culturali, ricollocando il potenziale conflitto in un orizzonte di speranza e capacità per il singolo e per l’insieme.

Il convegno

Dalle 9 alle 18, workshop pratici e teorici, tavoli di lavoro e testimonianze dirette di esperti del settore provenienti da tutto il mondo sui progetti di circo sociale più innovativi offriranno un’occasione unica per conoscere il mondo del circo sociale e le sue numerose applicazioni in ambito sociale, pedagogico e psicologico in contesti di diversità culturale.

Tra le testimonianze internazionali: Cirque du Monde, programma di circo sociale del Cirque du Soleil di Montreal, Canada; PEYC – Professionalizing European Youth Circuses, progetto della Commissione Europea per la professionalizzazione dell’insegnamento del circo educativo in Europa; Cabuwazi Grenzkultur e Circus Macht Stark, che lavorano con bambini e ragazzi rifugiati a Berlino; Sirkus Magenta, che ha creato e supporta una scuola di circo nel campo profughi di Zaatari, in Giordania, e utilizza il circo per l’integrazione di richiedenti asilo in Finlandia; e Sirkane, scuola di circo sociale in Turchia e Iraq.

Per conoscere il programma dettagliato dell’evento e iscriversi: www.altrocirco.it